Perché esistono i bottoni nelle maniche della giacca e quando nascono?

Quante volte, mettendoci la giacca, ci siamo chiesti il perché dell’esistenza dei bottoni sui polsini, che peraltro possono essere di forma, numero e misura differente? 

Quando nascono questi tipi di bottoni delle giacche non è chiaro, ma la leggenda vuole che sia stata la regina Elisabetta I a farli inserire sulle maniche delle uniformi, per una questione di decoro.

Era infatti usanza comune, ai suoi tempi, usare la manica della giacca per asciugarsi la fronte o addirittura per soffiarsi il naso. Per contrastare questa brutta abitudine pare quindi che la sovrana corse ai ripari imponendo questo stratagemma. Insomma, una questione più di decenza che di reale necessità.

Questa rimane tuttavia una leggenda, anche se viene riportata perfino nelle memorie di Napoleone Bonaparte.

Di sicuro un fondo di verità c’è, ma probabilmente si va a mescolare con la reale necessità di allargare la manica per poterla rimboccare senza doversi togliere la giacca. 

I bottoni nelle giacche odierne 

Nella “fast fashion” la giacca non si può aprire e i bottoni vengono inseriti solo con una funzione “decorativa”, senza un preciso scopo. 

Quando parliamo di sartoria, invece, i bottoni diventano dettagli indispensabili e fanno la differenza in termini di eleganza e finitura, trasformandosi in un vero e proprio “segno distintivo” di ogni sarto o stilista. 

Il bottone deve potersi slacciare e l’asola essere perfettamente allineata con lo stesso, così da avere un look sempre elegante e curato. 

Ad oggi non è consueto “arrotolarsi le maniche”, quindi slacciare i bottoni per questo motivo non è più necessario ma, ad esempio, slacciare l’ultimo bottone per mettere in evidenza la camicia e la fattura sartoriale della giacca, è un’usanza apprezzata da molti. 

Quanti bottoni troviamo nelle maniche della giacca? 

Paese che vai, usanza che trovi. 

Questo detto si abbina bene al numero dei bottoni che vengono inseriti nelle maniche della giacca. Se infatti la buona regola impone che siano 3 o 4 i bottoni in ogni manica, molto dipende anche dalla tradizione sartoriale locale. 

Ad esempio gli inglesi optano sempre per i 4 bottoni, mentre in Italia possiamo trovare giacche di taglio sartoriale con 3 o 4 bottoni. Negli Stati Uniti invece solitamente è la giacca a 2 bottoni la scelta più gettonata.

Se rimaniamo nel nostro Paese, solitamente nella realizzazione di giacche estive, più leggere e casual, vengono cuciti 3 bottoni, mentre in quelle autunnali ed invernali si inserisce un bottone in più. 

Quali sono i materiali più utilizzati per i bottoni?

Se oramai la plastica la fa da padrone anche nella produzione dei bottoni, chi vuole mettere in evidenza un look davvero ricercato può giocare sui colori, ma anche sul materiale di questi elementi della propria giacca. 

Ben noti sono infatti i bottoni in madreperla, ma anche quelli in ulivo, di colore neutro e molto resistenti o, ancora, quelli di “corozo” o coruzzo, un frutto tropicale prodotto da una pianta, chiamata Tagua, molto presente in Ecuador. 

Altri materiali utilizzati sono il corno, solitamente di mucca o bufalo, che possiamo trovare sia lucido che opaco, o il metallo. 

I bottoni insomma non sono solo un “elemento costitutivo” della giacca, ma vanno a completare e a diversificare il risultato finale di ogni capo sartoriale che si rispetti.

Se vuoi saperne di più sulle giacche su misura, contattaci.

Related Posts

PER MAGGIORI INFORMAZIONI O PER FISSARE UN APPUNTAMENTO

Storia della Camicia

I titoli dei nostri tessuti vanno da 50 ad oltre 200 e più alto è il titolo più il tessuto è pregiato. Il nostro è molto di più di un semplice servizio su misura. Chi compra Arti & Sarti rimane fedele negli anni perché il nostro prodotto è di altissima qualità.

Ultime realizzazioni

×

Powered by WhatsApp Chat

× Whatsapp